2015 – fedeltà al primo sabato di agosto

34° incontro dell’amicizia tra le genti del Monte Rosa

Immagine2

Coro Genzianella Città di Biella

 

Sabato 4 luglio, in una giornata molto calda, ma tersa con una vista unica e stupenda sulla parete Est del Monte Rosa si è svolto il 34° incontro dell’amicizia tra le genti del Monte Rosa al Rifugio Marca, sopra Bielmonte, all’interno dell’Oasi Zegna.

Ad accogliere i partecipanti Andrea e Luisa, gestori del Rifugio Monte Marca; ad allietarli nell’attesa: il Coro Genzianella Città di Biella, la Banda Musicale Juventus Nova di Pralungo ed il Gruppo Valëtte an Ĝipoun della Valle Cervo nel loro costume tradizionale.

la Banda Musicale Juventus Nova di Pralungo

la Banda Musicale Juventus Nova di Pralungo

il Gruppo Valëtte an Ĝipoun della Valle Cervo

Il Gruppo Valëtte an Ĝipoun della Valle Cervo

 

 

 

 

 

 

Nel saluto iniziale la Presidente del CAI di Biella, Daniela Tomati, ha tenuto a precisare che per la prima volta CAI Biella, Trivero e Mosso si sono uniti nell’organizzazione di questo evento facendolo diventare così non solo un ritrovo delle genti del Rosa, ma anche del CAI.

Così a turno si sono susseguiti nei saluti i vari presidenti e rappresentanti dei CAI presenti: Fabrizio Franco, CAI Mosso, Pietro Fiori, CAI Trivero, Piera Squinobal, CAI Verres, Paolo Erba, CAI Varallo, Teresio Valsesia, per il CAI Macugnaga, Boris Cerovac, CAI Novara, Pier Luigi Pensotti, CAI Vercelli e infine  a rappresentanza del CAI Centrale Umberto Pallavicini e per il CAI Regione Piemonte il Presidente Michele Colonna. Tutti hanno sottolineato l’importanza, la bellezza e l’attualità di questo incontro a favore del territorio montano visto come una risorsa da valorizzare e come un ambiente che porta con sé molti valori da conservare quali la solidarietà, l’amicizia, la fraternità, l’accoglienza….

Inoltre sono anche intervenuti Claudio Negro, delegato del Soccorso Alpino di Biella XXII delegazione, che ha augurato a tutti un buon ritorno a casa senza problemi….,  Alessandro Blotto sezione ANA di Biella, e Maurizio Piatti Presidente della Comunità montana Valle Cervo che ha rinnovato l’impegno dell’associazione a favore della tutela e salvaguardia del territorio.

È seguita la S. Messa, in memoria di S. Bernardo d’Aosta e del Beato Piergiorgio Frassati, presieduta da don Remo Baudrocco, parroco di Chiavazza, animata dal Coro Genzianella e concelebrata dal sottoscritto.

S .Messa presieduta da don Remo Baudrocco, parroco di Chiavazza.

S .Messa presieduta da don Remo Baudrocco, parroco di Chiavazza.

 

Nell’omelia don Remo ha sottolineato tre idee:

  1. molte associazioni nelle loro feste desiderano avere la S. Messa. Questo è significativo purchè il mettere al centro della festa l’Eucaristia significhi il desiderio di mettere Cristo al centro della nostra vita.
  2. S. Bernardo ed il beato Frassati nella loro vita hanno avuto una predilezione particolare per gli ultimi, per i più poveri, questo spinga anche noi a fare altrettanto
  3. in una cattedrale a cielo aperto come l’ambiente della montagna non si può non concludere con la preghiera che Papa Francesco ha proposto a conclusione della sua recente enciclica a salvaguardia del creato: “Laudato sì”.

 

Al termine della S. Messa tutti i partecipanti hanno potuto gustare l’ottima polenta concia preparata da Andrea e Luisa coadiuvati da un gruppo di volontari.

Da sottolineare il clima di festa, vera amicizia e solidarietà che si è respirato per tutta la giornata e che sicuramente è l’obiettivo principale da raggiungere e mantenere sia nella propria vita personale che in quella comunitaria.

Nell’attesa di poterci incontrare il 1 agosto alla Cappellina della Madonna dei ghiacciai vi accompagno con la preghiera ed un abbraccio fraterno.

Don Vincenzo Caccia
Salesiano